Piattaforma ufficiale del Governo per l’incontro coi Sindacati del 12 giugno 2014

governo italiano logo

I 44 punti della riforma della pubblica amministrazione – al varo nel Consiglio dei Ministri di domani – diventano 45. Pubblichiamo il documento inviato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri in relazione all’incontro con i Sindacati di oggi 12 giugno 2014 e un resoconto del Sole 24 ore sulla conferenza stampa dei Sindacati nella giornata di ieri 11 giugno.

 Documento governativo per riforma pa – sindacati 

Conferenza stampa CGIL-CISL-UIL – 100.000 giovani da assumere

I sindacati dei dirigenti e la “ruspa” di Renzi

Matteo Renzi, con la sua battuta “entreremo con la ruspa nella pubblica amministrazione “, certo sull’umore fortemente negativo della pubblica opinione verso questa  pubblica amministrazione, ha ottenuto l’ormai consueto successo mediatico, ma è anche riuscito a compattare tutti i sindacati della dirigenza pubblica in una posizione di  polemica, di scontro e di dissenso rispetto alle riforme annunciate. Peccato che le riforme si costruiscano e si attuino nei Paesi più avanzati insieme alla dirigenza, cui viene affidato il ruolo di attore e fattore principale di successo. Invece, Renzi la riforma della Pa con chi pensa di farla? Con Mario Gomez?

Diamo conto qui sotto di umori e dichiarazioni a ridosso delle dichiarazioni del Presidente del Consiglio.

Giorgio Rembado Presidente di CIDA funzione pubblica “la ruspa non riuscirà a rottomarci”.

Savarino AGDP – parole di Renzi irresponsabili e non istituzionali

Associazione allievi SSPA – I dirigenti pubblici rispondono alla lotta violenta di Renzi

UNADIS – Fermate i tagli alle nostre retribuzioni 8 aprile-2014

 

BUROCRAZIA: LA RIVOLUZIONE POSSIBILE

Logo ETICAPA

A proposito di riforma della Pubblica Amministrazione, tema cardine del programma del prossimo Governo, pubblichiamo un documento della nostra Associazione.

 Burocrazia la rivoluzione possibile

LOTTA ALLA BUROCRAZIA – PRESUMIBILE AZIONE DEL PROSSIMO GOVERNO

pubblica-amministrazione-esubero-dipendenti

Uno dei cardini dell’azione di governo annunciata dal Segretario del PD Matteo Renzi -scriviamo quando ancora il Capo dello Stato è impegnato nelle consultazioni successive alle dimissioni del Governo Letta – sarà la “lotta alla burocrazia“. Lì dove con la parola “burocrazia”, in un’accezione tutta negativa del termine prevalente non a caso nel nostro Paese, deve intendersi tutto ciò che di deteriore manifesta l’azione delle Pubbliche amministrazioni italiane.

Visto il rilievo centrale  delle Pa nell’azione prevista del futuro Governo, pubblichiamo un estratto del programma di Renzi alle primarie del PD dello scorso dicembre 2012 (15 mesi fa) riguardante le politiche da mettere in campo per riformare la pubblica amministrazione. Non c’è motivo di ritenere che quelle posizioni di programma siano state modificate in questo lasso di tempo, per cui un’attenta lettura può dare l’idea di ciò che accadrà a breve.

 Programma Renzi per la PA – primarie 2012

Testo integrale del programma Renzi alle primarie 2012

Pubblichiamo, inoltre, il testo integrale aggiornato della legge USA “Freedom of information act”, emanata nel luglio 1966 (ebbene sì!)  dal Presidente Lyndon Johnson – citata nel documento quale cardine di riforma della PA italiana. Si veda anche il sito web a ciò specificamente dedicato – Iniziativa per l’adozione di un Freedom of information act in Italia.

Le proposte di riforma delle pubbliche amministrazioni di Matteo Renzi.

Matteo-Renzi-15-960x720

Matteo Renzi presentò il suo programma di riforme nel noto convegno della Leopolda dell’ottobre 2011. Pubblichiamo quelle proposte perchè molte di esse riguardano la riforma delle pubbliche Amministrazioni: in particolare la 4, la 5 e la 6 sulle autonomie locali, la 11 sui Consigli di amministrazione di aziende partecipate dal pubblico, la 27 sulla liberalizzazione dei servizi pubblici locali, la 30 sulla riduzione del numero delle norme, la 31, 32 e 33 con specifico riferimento alla valutazione delle attività delle pubbliche amministrazioni e al regime della dirigenza pubblica.

In una successiva occasione, Renzi si è spinto anche più in là, ipotizzando in un’intervista a Ballarò nel dicembre 2012 un sistema di assunzione dei dirigenti pubblici per chiamata diretta. Pubblichiamo la replica del Presidente di Nuova etica pubblica Antonio Zucaro.

Precisazioni-di-Antonio-Zucaro-Presidente-di-Nuova-Etica-pubblica

 

 Ott  2011 – Le 100 proposte Renzi-Leopolda

PROGRAMMA-RENZI-SULLA-SCUOLA-ALLE-PRIMARIE-DEL-PD-del-dic-2012