Intervista a Sabino Cassese sulle assunzioni nelle Amministrazioni pubbliche

E’ Apparsa sull’ultimo numero de La Repubblica – Affari & Finanza di lunedì scorso un’intervista di Marco Ruffolo a Sabino Cassese a proposito delle misure previste sul disegno di legge di bilancio (vedi) sul sistema dei concorsi previsto per le assunzioni nel pubblico impiego: problema dei fabbisogni, gestione degli idonei, modalità di turn over ordinato. Su tutto ciò una lettura complessivamente critica.

Continua a leggere

Ricordo di Gino Faustini, economista del lavoro

Si respirava una certa aria di “Prima Repubblica” alla Sala gialla del CNEL lo scorso 19 ottobre, nell’accezione positiva di questo richiamo. L’occasione è stata la rievocazione – organizzata dal professor Leonello Tronti – della figura dell’economista del lavoro Gino Faustini (1930-2017), Continua a leggere

Qualcosa non torna: mancano 90.000 tecnici secondo uno studio della Confindustria

Diamo conto di  un’indagine Confindustria-Federmanager, presentata ieri a Bologna, sui profili professionali necessari alla nostra industria di qui all’anno 2022: il report presente all’ indirizzo web di Conf/Emilia Romagna – clicca qui – dà conto con una serie di slide – vedi qui in particolare le Slide Eliana Bandiera – dei rapidi cambiamenti in corso nelle esigenze manageriali e produttive ed evidenzia l’esigenza di acquisire circa 90.000 fra laureati e tecnici che il sistema universitario e scolastico non è in grado di sfornare a sufficienza. Continua a leggere

Lettera di oggi della Commissione europea al Governo italiano

Pubblichiamo qui sotto la lettera di oggi della Commissione Europea al Ministro Tria, a firma Valdis Dombrovkis e Pierre Moscovici, contenente le prime osservazioni sulla manovra finanziaria in corso. Continua a leggere

Il sussidio ai non abbienti in Germania e il salario minimo nei paesi UE

Paolo Sylos Labini in una delle sue ultime interviste (etica, politica ed economia) raccontava come negli anni ’50 egli fosse stato inviato negli Stati Uniti insieme a Giuseppe Guarino dall’allora Presidente del Consiglio dei Ministri Antonio Segni per studiare l’industria del petrolio: quell’incarico doveva servire e servì per predisporre qui in Italia una legge per regolarne l’estrazione. Continua a leggere

Marco Minghetti 1881 e l’autonomia della pubblica amministrazione

In tempi di spoils system e di attacchi furiosi ai dirigenti pubblici può sembrare quasi comico rifarsi al pensiero di un eroe risorgimentale del secolo XIX. Ma noi siamo cocciuti e soprattutto convinti che il pensiero oggi prevalente sulla burocrazia in genere sia viziato da gravi limiti, sia autolesionista  e si collochi su un versante opposto rispetto al sentire comune delle elites e dei popoli dei Paesi occidentali più avanzati; in più, per somma sventura, dimentico di alcune lezioni di corretto agire democratico che ci furono impartite da secoli.  Questo, sinteticamente, il motivo per cui riproduciamo il saggio storico di Marco Minghetti ( Bologna 1818 – Roma 1886) , che fu Ministro dell’Interno nel governo Cavour, Ministro delle Finanze nel governo Ricasoli , poi a sua volta Presidente del Consiglio dei Ministri negli anni 1863-64. Continua a leggere

Come NON deve essere un dirigente pubblico

Al di là’ dell’accertamento nel caso specifico dell’effettivo svolgimento dei fatti, lo SCHEMA offerto dall’articolo pubblicato su La Repubblica del 29 agosto 2018 delinea una logica di gestione burocratica arrogante e tetragona (se non peggio) che è l’opposto della trasparenza che il servizio pubblico rende obbligo per tutti i cittadini italiani. Leggi qui

Il nostro ricordo di Paolo De Ioanna

La notizia della morte di Paolo De Ioanna colpisce tutti noi, profondamente. Ci colpisce uno per uno sul piano personale e ci colpisce come associati a Nuova Etica Pubblica, che Paolo, da componente del Comitato scientifico, ha sostenuto col suo prestigio ed arricchito con la sua cultura ed esperienza. Continua a leggere

Il fallimento della privatizzazione dei servizi pubblici.

Piuttosto – o meglio – prima di schierarsi nel vivo della polemica politica quotidiana, sembra utile richiamare alcune riflessioni proiettate su uno spazio ampio di storia del nostro Paese, utili e necessarie per comprendere. Dopo il richiamo all’opinione di Mariana Mazzucato Continua a leggere

La tragedia di Genova un’occasione per ripartire col piede giusto: intervista all’economista Mariana Mazzucato.

Solo chi non vuole vedere e studiare ha tralasciato di approfondire gli insegnamenti di questa grande economista, nata a Roma e formatasi negli Stati Uniti: di Mariana Mazzucato ricordiamo soprattutto il libro “Lo Stato innovatore” (clicca qui) col quale ha sbertucciato i neo-liberisti all’amatriciana di casa nostra, Continua a leggere

Quattro casi di studio esaminati nel testo “Oltre il New Public Management”

Presentiamo di seguito il testo on line del saggio scientifico “Oltre il New Public Management” di Fabrizio Di Mascio e Alessandro Natalini, il cui titolo risulta un pò fuorviante rispetto ai suoi contenuti prevalenti : infatti, la constatazione dei risultati al di sotto delle attese di quel movimento di idee e di opinioni accademiche che fu di moda negli anni 80 e 90 del secolo scorso costituisce la premessa per sondare e percorrere vie nuove nello studio delle innovazioni nelle amministrazioni pubbliche occidentali. Continua a leggere

Guido Melis: come cambia una classe dirigente e cos’è il “popolo”

Un approfondimento da parte del prof. Guido Melis sui meccanismi storicamente registrati nel nostro Paese di ricambio delle classi dirigenti politiche e amministrative. Continua a leggere

TESTO UFFICIALE della proposta di legge di decurtazione delle pensioni superiori ai 4000 euro netti.

Di seguito all’anteprima di ieri, presentiamo qui sotto il testo ufficiale della proposta di legge – Atto Camera n. 1071 / 2018, a cura dei deputati D’Uva e Molinari. Interessantissima anche la proiezione pubblica ta sul Sole 24 Ore di oggi dei tagli che conseguirebbero alle pensioni interessate a cura di Antonietta Mundo – clicca qui . Continua a leggere

Una critica (di Cassese) e una riflessione a proposito delle recenti nomine ai vertici di Aziende di Stato

Proponiamo il link a un fondo di Cassese sul Corriere della Sera dello scorso 24 luglio relativo alle nomine ai vertici di aziende di Stato operate dal Governo in questi giorni. I rilievi fortemente critici – presenti nell’articolo – della prassi di nominare soggetti di propria fiducia possono, tuttavia, essere “riequilibrati” dall’osservazione di ciò che avviene nel governo federale degli Stati Uniti al cambio del vertice dell’Esecutivo (Presidente degli U.S.A.): Continua a leggere

La post-pandettistica e i suoi lontani bagliori

Post-pandettistica è un termine che affascina i cultori del diritto amministrativo, ma poco dice ai più. Tuttavia, la curiosità emerge prepotente al solo pensiero che quella lontana corrente dottrinaria, che si affermò nell’Italia liberale di fine ‘800 – soprattutto attraverso gli studi di Vittorio Emanuele Orlando e Oreste Ranelletti – riuscì a permeare dei propri principi la pubblica amministrazione italiana nei primi decenni del XX secolo, durante tutto il fascismo e nel secondo dopoguerra fino a tutti gli anni ’80. Continua a leggere

I detentori del debito pubblico italiano

La recente Relazione annuale della Banca d’Italia riporta fra l’altro la distribuzione dei 2.236 miliardi di euro di debito pubblico fra i soggetti che tale debito detengono. Poco meno del 75% di tale debito è in mani italiane e ciò smentisce una delle tante “vulgata” raccontate per disorientare il giudizio dell’opinione comune:Il grosso del nostro debito pubblico non è in mano a “multinazionali” straniere. Continua a leggere

Le retribuzioni dei dirigenti privati (confronto con quelle dei dirigenti pubblici)

Riprendiamo da “Dirigenti”, la rivista di Manageritalia – vedi – uno studio di Job pricing sulle retribuzioni annue lorde dei dirigenti d’imprese private. I risultati presentati nell’articolo mostrano un quadro generale retributivo nel quale la media generale delle RAL dell’anno 2017 ascende a € 101.821 (pag. 37). Si vedano anche i confronti con le retribuzioni dei quadri, degli impiegati e degli operai. Di interesse il dato relativo alla quota media di retribuzione variabile pari al 16,8 % della RAL (pag. 38). L’articolo prosegue disaggregando il dato generale a seconda del settore produttivo , della dimensione dell’azienda e delle specifiche posizioni manageriali. Continua a leggere

Statistiche della criminalità nel nostro Paese

Con salvezza di qualunque ragionamento relativo alla “propensione alla denuncia ” di eventi criminali di cui un cittadino può essere fatto oggetto, riportiamo un’indagine ISTAT aggiornata all’anno 2016 sul trend dei delitti denunciati dalle forze dell’ordine all’autorità giudiziaria per gli anni 2012-2016. La tabella qui sopra costituisce un’elaborazione sintetica delle informazioni presenti nella banca dati dell‘ISTAT – vedi qui. Continua a leggere