Pensioni – prelievo straordinario in arrivo?

Giampaolo galli

Indiscrezioni pubblicate sul sito “Le formiche.net” (clicca qui) raccontano di calcoli riservati e segreti che avrebbero come obiettivo quello di rilanciare l’idea di un prelievo straordinario sulle “pensioni d’oro”. Credevamo che il fervido e improvvido dibattito sull’argomento si fosse esaurito per consunzione, in relazione  sia alla vacuità della locuzione stessa di “pensione d’oro” se definita in cifre (le pensioni veramente d’oro ben poco potrebbero giovare al riequilibrio del sistema, salvo considerare come tali le pensioni da € 5.000 euro lorde – vedi su questo sito “Il dibattito sulle pensioni future”- clicca qui ), sia in relazione alla difficoltà tecnica di improvvisare una qualche forma di ricalcolo ex-post di trattamenti di quiescenza già definiti da anni. Soprattutto – vediamo il contributo qualificato e circostanziato sull’argomento dell’on. Giampaolo Galli dello scorso 22 gennaio 2014- un intervento ex post sui pensionati testimonierebbe del fatto che lo Stato infrange un patto multidecennale con i suoi cittadini i quali – avendo pagato per un’ intera vita lavorativa i contributi pensionistici e subendo ora una delle più forti pressioni fiscali in Europa sulle proprie pensioni – dovrebbero “restituire” ciò che la legge aveva previsto per la loro vecchiaia.

In un Paese che vive di suggestioni e di slogan spesso demagogici e fuorvianti riproponiamo l’intervento del on. Galli che, ci sembra, definisce in modo completo e ultimativo la tematica delle “pensioni d’oro”

On Giampaolo Galli il 22 gennaio 2014: No al ricalcolo delle pensioni, commento ad un articolo di Tito Boeri, Fabrizio Patriarca e Stefano Patriarca.