INPS, “Gattopardo” in progress

logo-inps

Il richiamo al famoso aforisma di Tomasi di Lampedusa (“Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi”) si attaglia alla perfezione alla “rivoluzione” proclamata dal suo presidente Tito Boeri per l’avvenuta riorganizzazione della tecnostruttura dell’INPS, a due anni dalla sua assunzione alla responsabilità di vertice Continua a leggere

Seminario su “il nuovo bilancio e la riforma amministrativa”.

 2017_01_26_seminario

I decreti legislativi 2016 sul bilancio di cassa e “Missioni e programmi”

Oro-bilancia-della-giustizia-isolato-su-sfondo-bianco-Archivio-Fotografico

La legislazione contabile dello Stato  e della rete delle Amministrazioni pubbliche ha subìto non pochi interventi di revisione a decorrere dall’anno 2009 in cui fu promulgata la legge n. 196 vedi qui su “Normattiva”. Continua a leggere

Bamboccioni a chi? Le imprese giovanili in Italia.

Screenshot 2016-11-17 17.21.36

L’Italia continua a mostrare fenomeni fra loro contraddittori, ma che lasciano comunque trapelare una permanente vivacità degli ingegni e delle iniziative. Continua a leggere

Seminario SVIMEZ sull’analisi delle politiche pubbliche.

svimez

Pubblichiamo gli atti del seminario tenutosi nel maggio 2016 presso la SVIMEZ sulla’”Analisi delle politiche pubbliche e controllo di gestione“. Promosso da Manin Carabba, presidente onorario della Corte dei Conti, con  relazione introduttiva del prof. Bruno Dente: i discussant erano Giorgio Macciotta, Paolo De Ioanna, Antonio La Spina, Nino Zucaro, Giuseppe Beato, Mita Marra, Dario Ciccarelli. Continua a leggere

Comune di Roma: idee per un cambiamento.

Pubblichiamo la relazione del Presidente della nostra associazione, Antonio Zucaro, tenuta in occasione del convegno “Roma “la” capitale metropolitana”, organizzato da Fab.rica lo scorso 26 febbraio 2016 (vedi locandina). La relazione, partendo dalla lettura critica della situazione attuale, descrive i punti cardine necessari  per una riforma del Comune di Roma: a) unificazione di “Roma capitale” con “città metropolitana, sul piano istituzionale; b) riforma del funzionamento del sistema di amministrazione, basata su decentramento, collegamento fra azione amministrative e sistema dei conti, Continua a leggere

ISTAT – Il conto consolidato della PA 2015 e costo del lavoro pubblico.

Unknown

Nei giorni scorsi è stato pubblicato dall’ISTAT (vedi) l’ultimo conto economico trimestrale e il consolidato 2015 delle Amministrazioni pubbliche, con la quantificazione dei grandi aggregati di entrata e di uscita e dei saldi più importanti (indebitamento netto, saldo corrente e saldo primario). Questi i risultati.

Conto PA 2015

Si nota subito come sia il macigno degli interessi passivi per debito pubblico (68 mld €) a pesare sul saldo globale (indebitamento netto) fra entrate e uscite delle Amministrazioni pubbliche (-42 mld€): senza l’eredità di 35 anni di sperperi, la gestione della cosa pubblica potrebbe viaggiare spedita ed effettuare investimenti e spese sociali in quantità sicuramente maggiore. La spesa per interessi, peraltro, é fortunatamente in netta discesa rispetto al 2012, epoca in cui con più violenza si abbatté sui nostri conti pubblici il peso dello spread con i tassi d’interesse tedeschi. Colpisce l’evidenza dell’incremento della spesa per pensioni e prestazioni sociali, nonostante le misure draconiane adottate con la “legge Fornero”. Diminuisce – dal 2012 – di 4,5 mld di euro la spesa per redditi di lavoro dipendente. Fa ben sperare una certa tendenza alla ripresa delle spese per investimento pubblico, dalle quali dipende in gran parte la qualità delle nostre infrastrutture. Incontrovertibilmente aumenta il peso delle imposte dirette e indirette e dei contributi sociali, in una spirale di appesantimento del costo del lavoro sul fronte delle imprese e di decremento della propensione al consumo sul fronte delle famiglie.

Vero snodo di operatività reale non invasiva e antisociale sui conti pubblici sarebbe e dovrebbe essere la diminuzione della spesa per “consumi intermedi” delle PP . AA. (automobili, energia, informatica) sui quali esistono margini di risparmio nell’ordine di miliardi (vedi qui). Qui tuttavia si tratta per il Governo di esercitare tutta la propria volontà politica per “calmierare” i mille rivoli di spesa che provengono incontrollati dai circa 40.000 centri di spesa delle varie pubbliche amministrazioni italiane. Eppure sarebbe l’unico tipo di risparmio che comporterebbe per la comunità nazionale benefici senza costi sociali collaterali.

Modifiche alla legge n. 196 del 2009: Bilancio per missioni e programmi e bilancio di cassa.

Oro-bilancia-della-giustizia-isolato-su-sfondo-bianco-Archivio-Fotografico

VEDI QUI I TESTI DEFINITIVI DEI DECRETI LEGISLATIVI N. 90 E N. 93 DEL 12 MAGGIO 2016

Sono in discussione presso le competenti Commissioni parlamentari gli Atti del governo  n. 264 e n. 265, contenenti  2 schemi di decreto delegato della  Legge n. 196/2009 (vedi) di riforma della contabilità e della finanza pubblica. Saranno pertanto emanati a breve due decreti legislativi che modificheranno le disposizioni ivi contenute, con riguardo specifico ai “bilanci per missioni e programmi” e al “bilancio di cassa“. Per comodità del lettore, pubblichiamo il nuovo testo della 196 – elaborato dagli uffici studi di Camera e Senato – integrato con le nuove disposizioni.

 Testo integrato Legge n. 196.

Oltre al link sulle audizioni del Presidente dell’Ufficio parlamentare di bilancio, del Ragioniere generale dello Stato e del parere della Corte dei Conti – clicca qui – presentiamo qui sotto le valutazioni e proposte presentate dalla nostra Associazione al Presidente della Commissione bilancio on. Francesco Boccia, in ordine agli argomenti rivisti dalle modifiche legislative. L’idea di fondo consiste nella massima integrazione fra ciclo di bilancio e ciclo della performance.

 Proposte Nuova Etica Pubblica

Ultimi emendamenti in Commissione al ddl di stabilità 2016

bilancio Stato

Il ddl AC 3444 (vedi qui i nostri riferimenti all’iter di approvazione della legge di stabilità 2016) è in discussione oggi all’assemblea della Camera dei deputati. Presentiamo qui il documento aggiornato a ieri con il testo degli emendamenti approvati in V Commissione Bilancio. Non è previsto in questo frangente un maxi-emendamento del Governo.

 Stabilità-2016- AC 3444 -Testo emendamenti-approvati-16-dicembre

Quadro di sintesi degli interventi previsti nella legge di stabilità 2016

Screenshot 2015-12-08 09.23.07

Qui  sotto il dossier degli uffici studi di Camera e Senato, aggiornato al 23 novembre 2015 e con i temi distinti per materia, del disegno di legge di stabilità 2016, come approvato dal Senato lo scorso 20 novembre 2015 (vedi qui).

Pubblichiamo anche il testo degli emendamenti presentati a tutto il 6 dicembre 2015 (clicca qui), consigliando per una lettura più semplice di consultare le pagg 45 e segg del suindicato dossier, dove è presente una classificazione per materia dei vari articoli del ddl, con affianco l’indicazione del comma: ciò consentirà di ricercare rapidamente il testo degli ultimi emendamenti al 6 dicembre.

 Dossier 23 nov 2015

Il ciclo di bilancio e programmazione dello Stato italiano.

bilancio Stato

Il ciclo del bilancio dello Stato, alla luce della Legge 196 del 30 dic 2009 (vedi qui)esposto attraverso una serie di slide della prof. Lydia D’Alessio dell’Università Roma3 e del prof. Franco Mostacci dell’Università La Sapienza di Roma.

 D’ALESSIO funzionamento della legge n 196

 2014 MOSTACCI ciclo bilancio e programmazione.

Vedi anche le rappresentazioni schematiche di:

Coordinamento UE della legge stabilità.

Armonizzazione dei sistemi contabili delle Regioni e dei Comuni.

Il Coordinamento UE sulla Legge di stabilità.

ue

In virtù del recepimento nel nostro Ordinamento dei Trattati dell’Unione europea (vedi qui), ultimo dei quali il Patto di Stabilità ( vedi qui) con la conseguente modifica della nostra Carta costituzionale (vedi qui), il quadro delle decisioni, degli obblighi e dei controlli sulle manovre di finanza pubblica risulta quello delineato qui sotto nelle slide prodotte dal prof. Franco Mostacci dell’Università La Sapienza di Roma.

 Mostacci – Coordinamento DEF con governance_europea

Riforma del bilancio delle Regioni, degli Enti locali e dei loro organismi.

bilancio copia

Pubblichiamo gli ultimi aggiornamenti normativi in tema di “Armonizzazione dei sitemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli Enti locali e dei loro organismi“.

Decreto legislativo – ORIGINARIO POI MODIFICATO – n 118 del 23 giugno 2011- 

MODIFICHE INTRODOTTE dal d lgs 126 del 2014 – G. U.  n 199 del 28 ago 2014

TESTO COORDINATO d lgs 118/2011 con d lgs 126/2014, A SOLI FINI DI CONSULTAZIONE

 Il_bilancio_per_missioni_e_programmi dei Comuni

Giorgio Macciotta – Il coinvolgimento delle Autonomie locali nelle sessioni di bilancio: la governance multilivello.

Pubblichiamo l’intervento del Consigliere del CNEL dr. Giorgio Macciotta al seminario sulla riforma del bilancio e della pubblica amministrazione (clicca qui) tenutosi alla Camera dei Deputati lo scorso 27 giugno 2014.

 Giorgio Macciotta – la governance multilivello nelle sessioni dei bilanci pubblici

Riforma del bilancio e della Pubblica amministrazione – Atti del Seminario alla Camera dei deputati 27 giugno 2014

Seminario sulla riforma del bilancio dello Stato e dell’Amministrazione pubblica -27 giu 2014

Pubblichiamo la proposta di legge di riforma di alcune norme del bilancio dello Stato presentata dall’onorevole Marco Causi per la Camera e dal senatore Paolo Guerrieri, presentata in occasione del Seminario svoltosi alla Camera dei deputati il 27 giugno 2014.

In estrema sintesi la riforma punta all’introduzione:

  • del solo bilancio di cassa (abolizione del bilancio di competenza di antica memoria);
  • della modalità di configurazione del bilancio per missioni e programmi, sulla falsariga dell’esperienza della LOLF francese e riorganizzazione degli uffici pubblici sulla base dei programmi ed azioni prefigurati nel bilancio di cassa pluriennale;
  • definizione ed assegnazione a Ministeri e uffici statali degli obiettivi di performance in sede di approvazione del bilancio dello Stato.

 Ac 2349 proposta di legge Causi del 2014

Relazioni dei partecipanti al Seminario:

Intervento dell’on. Marco CAUSI

Seminario “Riforma del bilancio e della Pa” – Introduzione di Manin Carabba

“Democrazia cognitiva e governance della finanza pubblica” -Intervento di Paolo De Ioanna

“I conti separati dall’amministrazione” – Intervento di Guido Melis.

“Il passaggio al bilancio di cassa nella prospettiva degli Enti locali” – Intervento di Fabio Fiorillo

“La riforma amministrativa: storia e prospettive” – Intervento di Antonio Zucaro

“Innovare la contabilità per innovare la gestione” – Intervento di Luigi Fiorentino

Il ruolo del Parlamento e ipotesi della Pa nella Legge 243/2012 – Intervento di Rita Perez.

“Il coinvolgimento delle Autonomie locali nelle sessioni di bilancio: la governance multilivello” – Intervento di Giorgio Macciotta

Nuove procedure di esame del bilancio dello Stato – Intervento di Enrico Morando.

Il controllo del Parlamento sull’organizzazione e il costo degli uffici pubblici” -Intervento di Giovanni Vetritto

“Macchina amministrativa e procedure di bilancio” – Conclusioni di Paolo Guerrieri 

Esempi di indicatori di outcome e di performance utilizzati in applicazione della LOLF francese

 

ADOZIONE DEL BILANCIO DI CASSA -PROPOSTA DI LEGGE CNEL

logo_cnel_ilo

Pubblichiamo  la proposta di legge di iniziativa del CNEL n 1999 (Camera dei deputati), che ha come obiettivo principale, oltre all’adozione del bilancio di cassa, l’integrazione delle disposizioni del d.lgs 150/09 con la programmazione economico finanziaria attraverso “il collegamento fra l’assegnazione e l’utilizzo delle risorse finanziarie e la previsione e il collegamento delle finalità e degli obiettivi assegnati alle varie funzioni” da realizzare attraverso “indicatori di prestazione, i livelli di servizio e gli esiti di ogni attività” e “strumenti e le modalità di verifica e di convalida dei valori così misurati, sulla base del Sistema statistico nazionale” (vedi articolo 4) – Clicca qui -proposta di legge atto Camera n 1999 del 24 gennaio 2014

Contabilità e bilanci degli Enti pubblici non economici – normativa

D.P.R.  27 febbraio 2003, n 97 – Regolamento concernente l’amministrazione e la contabilità degli enti pubblici non economici.

La normativa sui bilanci degli Enti pubblici non economici ha subìto una serie di modifiche legislative recate dal decreto legislativo 31 maggio 2011, n. 91 – vedi qui il link a “normattiva”. Pubblichiamo anche le slide del prof. Fabio Grandis dell’Università Roma Tre che illustrano gli impatti previsti sull’originaria normativa dell’anno 2003.

 Prof. Grandis – D. Lgs. n._91/2011 e D.P.R. n 97/2013