CONVEGNO UIL SULLA RIFORMA DELLA GOVERNANCE INPS e INAIL

logo inps                      logo INAIL

 

Convegno tenutosi in Direzione generale INAIL il 16 febbraio 2014, con la partecipazione di Angeletti, Damiano, Sacconi, Di Gioia, Proietti.

CONVEGNO SU GOVERNANCE INPS e INAIL FEB 2014.

 

INPS – La ventennale discussione sulla governance degli Enti previdenziali – Giuseppe Beato

logo inps

La ventennale discussione sulla governance degli Enti previdenziali (ora praticamente solo INPS e INAIL) è lontana dal trovare un punto di equilibrio efficace. Su un solo concetto sono tutti d’accordo: così come è congegnata non va. Sul resto la soluzione è lontana.

Diamo conoscenza dell’articolo in materia pubblicato da Massimo Antichi sulla Voce.info del 15 aprile scorso – Massimo Antichi – COME DARE UN BUON GOVERNO ALL’INPS. Antichi non risparmia critiche alla relazione presentata dal gruppo di studio Valotti-Volpe-Bove nel giugno 2012 per l’allora Ministro FORNERO (vedi in questo sito cliccando qui) e, spunto teorico nuovo e stimolante, affronta il tema dei rapporti Ente-Ministero vigilante.

Fondamentale anche l ‘Avviso Comune sulla Riforma della Governance degli Enti previdenziali adottato da Confindustria e Sindacati nel giugno 2012.  Sicuramente il nucleo dei problemi da risolvere non risiede solo nella “monocraticità” degli organi di gestione – Presidente e Direttore generale. Ben prima, quando era presente il Consiglio di amministrazione così come riformato dal d.lgs 479/94, i rapporti fra questo organo, il CIV e il Direttore generale erano perlomeno “problematici”. Si veda in tal senso uno scritto “di storia antica” – 2002 – Giuseppe BEATO:  L’incerta riforma degli enti previdenziali pubblici – dove sono descritte le vicende che portarono all’adozione del modello duale e le problematiche di funzionamento subito emerse fin dai suoi albori. Un modello, quello duale, che non ha mai funzionato finora.

Chi ha vissuto da vicino le vicende delle ripetute tentate riforme della governance INPS e della dinamica concreta dei rapporti fra gli organi conosce le difficoltà e le strettoie nelle quali si dovrà confrontare qualunque ipotesi riformatrice. Le aporie che rendono complicato il governo della previdenza italiana si possono sintetizzare in due corto circuiti fra poteri: a) chi è il “riferimento” dell’Organo di vertice gestionale (Presidente o Consiglio di amministrazione che siano)? in altri termini, a chi risponde quest’Organo? Al Ministro del Lavoro -legittimamente vigilante a nome del Governo della Repubblica e titolare della designazione – oppure al Consiglio di indirizzo e vigilanza, rappresentante degli Iscritti (Sindacati) e dei datori di lavoro (Confindustria, Associazione dei Comuni, delle Regioni, rappresentanti dei Ministeri) e istituito sul modello del consiglio di sorveglianza tedesco? Nei venti anni trascorsi il riferimento reale dell’Organo di vertice gestionale è stato sempre il Ministro del Lavoro, circostanza in sé corretta, ma che tuttavia elide i poteri dell'”Consiglio di indirizzo e vigilanza (CIV)” che non è titolare, come in qualunque modello duale efficiente, del potere di sfiduciare e rimuovere l’Organo gestionale. b) Qual’è l'”accredito” che gli stakeholder presenti in CIV forniscono a tale Organo? in altri termini le centrali sindacali, la Confindustria, l’ANCI, le Regioni si rapportano alle dinamiche dell’Istituto attraverso i propri componenti in CIV oppure direttamente? E’ evidente che, se prevale l’ipotesi di un coinvolgimento diretto – non mediato dal CIV – nelle decisioni strategiche dell’Istituto – come peraltro accade attualmente – viene a crollare uno dei due piloni fondamentali dello schema duale di governance teoricamente introdotto venti anni fa. Se  i poteri dell’Organo di indirizzo e vigilanza, che è il soggetto “motore” nel modello duale tipo, sono appannati – quando non vanificati – in qualunque decisione strategica adotti l’INPS, salta il cardine stesso del modello.

In altra (opposta)  ipotesi, c’è chi gradirebbe un “rientro” del Sindacato nel Consiglio di amministrazione e l’abbandono del modello duale. Tale modello di governance, in vigore prima della riforma del 1994, trova l’opposizione di chi non intende conferire ai soggetti sociali il potere di gestione della previdenza e del welfare italiani.

Eppure i modelli possibili di governance non sono che due! duale “pieno” (con organo di gestione unico e organo di vigilanza) oppure con Consiglio di amministrazione rappresentativo delle parti sociali e imprenditoriali. Tertium non datur.

Sicuramente la situazione attuale in INPS, caratterizzata dalla monocraticità degli Organi di gestione e da una scarsissima presenza del CIV nelle vicende strategiche, non consente all’INPS (e all’INAIL) di svolgere appieno, a vantaggio della comunità nazionale e delle forze politiche, quelle funzioni di elaborazione, dibattito, proposta e verifica delle strategie previdenziali e di welfare che tanto sarebbero necessarie. In altri termini, l’Istituto della previdenza e del welfare italiano svolge funzioni meramente strumentali e non è il luogo dove le forze sociali e politiche dibattono, approfondiscono e verificano la fattibilità di ipotesi di sviluppo del welfare italiano. Una falla evidente, visto il prezioso patrimonio di dati, informazioni e know how presente in INPS.

A nostro avviso, la soluzione inevitabile, se ci si vorrà muovere nel quadro del modello duale tedesco, non potrà che essere la “restituzione” all’organo di indirizzo e sorveglianza del potere di “dichiarare” la propria sfiducia all’Organo gestionale futuro, lasciando al Governo – legittimo titolare dell’indirizzo politico generale, nonché finanziatore diretto della politica previdenziale e assistenziale del Paese con 100 miliardi di euro di fiscalità generale annualmente trasferiti all’INPS – il potere di ultima istanza sulla fiducia all’Organo di gestione. La problematica politica vera della riforma della governance dell’INPS e dell’INAIL ruota tutta intorno a questo punto.

Giuseppe Beato.

Le tre proposte di legge – clicca qui

Lo stucchevole dibattito sulla governance degli Enti previdenziali

Da circa 20 anni – con stucchevole regolarità – i governi che si susseguono alla guida del Paese presentano fra i loro bigliettini da visita il tema della “riforma della governance degli enti previdenziali“. La problematica potrebbe essere di grande interesse (si tratta, per l’INPS, del governo di una macchina amministrativa pubblica che gestisce annualmente la stratosferica cifra 800 miliardi di euro fra entrate  uscite e per l’INAIL dell’amministrazione di sostanziosi avanzi finanziari), se non si riducesse ad una mera questione di poltrone da assegnare o da togliere. Continua a leggere

“Rivoluzione” all’INPS.

Boeri INPS

Le vicende della pubblica amministrazione sono diventate negli ultimi anni un ottimo pretesto per slogan mediatici e  propaganda politica a basso costo. Per cui, se il Presidente del Consiglio parla in televisione di “furbi che vanno puniti” e “merito non è una parolaccia“, senza far intravedere alcuna misura efficace capace di rendere più efficiente le pubbliche amministrazioni, l’INPS, per bocca del suo Presidente Tito Boeri, parla addirittura di rivoluzione Continua a leggere

INPS – Il discorso di insediamento del nuovo Presidente Tito Boeri.

logo inps

Pubblichiamo il discorso di insediamento e di presentazione in teleconferenza a tutto il personale dell’Ente del nuovo Presidente dell’INPS, prof. Tito Boeri. Egli ha tracciato sostanzialmente il programma del suo mandato, finalizzato ad un rinnovamento profondo del ruolo dell’Istituto nel Paese. Degni di evidenza i seguenti passaggi: 1) caratterizzare l’Istituto non solo come l’erogatore puntuale delle prestazioni dovute, ma anche come punto di studio e di riferimento propositivo del Governo e per la comunità nazionale tutta, attraverso la massima evidenziazione e l’elaborazione  delle informazioni presenti nella sua banca dati; 2) consentire la consultazione aperta a tutti i lavoratori italiani sul sito dell’Istituto per conoscere la propria posizione previdenziale e quanto questa presumibilmente sarà destinata a fruttare quando ci si ritirerà dalla vita attiva. Quest’operazione “che vedrà impegnati nei prossimi mesi tutti i dipendenti dell’Istituto” è stata chiamata da Boeri “la mia pensione“; 3) un’attenzione massima all’unico vero volto dell’INPS che vedono gli utenti: gli sportelli dell’Istituto, il decoro degli ambienti di accoglienza dei cittadini, il modo e le maniere di rispondere alle loro esigenze; 4) la caratterizzazione, infine, dell’INPS non più e non tanto come ente previdenziale, quanto come “istituto della sicurezza sociale, intesa prioritariamente come argine contro la povertà“.

 Il saluto del Presidente Boeri al personale dell’INPS

Riportiamo anche l’intervista di Tito Boeri al Corriere della Sera di ieri 3 marzo 2015 sui programmi di welfare e sulla governance dell’INPS.

BOERI SU INPS – Corriere della sera 3 marzo 2015 

Il nuovo Direttore generale dell’INPS: Massimo Cioffi.

logo inps                CIOFFI

Nell’attuale stravagante assetto della governance del più grande Ente previdenziale d’Europa (vedi), il ruolo del Direttore generale – avente anch’esso natura di “Organo di gestione” – è praticamente equivalente (se non superiore per il fatto di essere vertice della tecnostruttura e della gestione operativa) in termini di peso e di potere a quello della figura del Presidente (orfano quest’ultimo del Consiglio d’Amministrazione dall’anno 2008, in seguito ad uno dei tanti infelici ritocchi all’originario articolo 3 del decreto legislativo n. 479 del 1994 (vedi)). Questa necessaria premessa dà la misura dell’importanza della nomina di Massimo Cioffi a questa carica. Dopo trent’anni – cioè dal tempo di Gianni Billia, anche lui manager privato – la scelta del Direttore generale INPS  cade su un soggetto non interno alla tecnostruttura dell’Istituto.

Indicato dal Governo su concorde avviso del neo Presidente INPS Tito Boeri, la nomina di Massimo Cioffi – 54 anni, sposato, un figlio, esperto in organizzazione e gestione delle risorse umane, bocconiano, già direttore del personale dell’ENEL, svincolato dalla politica e dai sindacati – é, pertanto, una novità assoluta nella storia dell’Istituto.

Con l’assunzione di due “bocconiani” al vertice dell’INPS, il Governo Renzi lancia una forte sfida, tutta da comprendere e da giocare, per il futuro della previdenza e del welfare del nostro Paese.

Presentiamo l’estratto di una vecchia intervista dell’anno 2010 al nuovo Direttore generale dell’INPS.

 Le nostre interviste – Massimo Cioffi

INPS – Le idee del nuovo Commissario Tiziano Treu

Treu

Tiziano Treu, ex Ministro del Lavoro dei governi Dini e Prodi, è stato designato dal Governo Renzi come nuovo Commissario straordinario dell’INPS, in attesa della mai completata riforma della Governance degli Enti previdenziali pubblici (vedi qui sul tema: La ventennale discussione sulla governance degli Enti previdenziali).

Risulta pertanto interessante ascoltare il suo punto di vista sulla realtà e le funzioni delll’Istituto, così come emerso in una tavola rotonda dal marzo 2013 organizzata da “Nuovi lavori”. Di rilievo le sue osservazioni sulla banca dati dell’INPS, sulla trasparenza, sui controlli, sulle funzioni del CIV, dell’Organo di gestione e del Direttore generale.

Tiziano Treu – L’INPS e la sua riforma.

La governance degli enti pubblici previdenziali e assicurativi

MASTRAPASQUA

Uno delle poche apprezzabili conseguenze del ciclone politico che avvolge in questi giorni la Presidenza di Antonio MASTRAPASQUA all’INPS sta nell’aver rilanciato il dibattito e la necessità stringente di riformare il sistema di governance dell’Istituto (e dell’INAIL). La tematica della governance, in pieno svolgimento durante il Governo Monti nel 2012, si è successivamente inabissata nel mare di problemi da affrontare. Tuttavia la questione del governo monocratico di un gigante da 390 miliardi di euro di bilancio e più di 43 milioni di cittadini utenti è di straordinaria importanza per la democrazia stessa del nostro Paese. Al di là delle persone, il congegno attuale che vede un organo di gestione monocratico (il Presidente), un Organo al vertice della Tecnostruttura (il Direttore generale) e un Organo di indirizzo e vigilanza sul modello tedesco (il CIV, cui la legge non riconosce efficaci poteri di sorveglianza sugli organi di gestione) non garantisce adeguati livelli di democrazia e di bilanciamento degli interessi. Si riteneva, eliminando i Consigli di Amministrazione circa 5 anni fa, di assicurare “snellezza e rapidità al processo decisionale“. In effetti la rapidità e la snellezza devono necessariamente attenere ai processi produttivi posti in essere dalla tecnostruttura, mentre agli Organi di governo strategico si addice meglio una completa articolazione delle voci e la possibilità di pervenire alle decisioni strategiche come sintesi finale di un lavoro partecipato. Non si spiegherebbe altrimenti per quale motivo grandi imprese, banche e assicurazioni (FIAT, Telecom, ENI, Assicurazioni generali, Unicredit, per citarne alcune) siano dotate di Consigli di Amministrazione con numero di componenti sempre vicino ai dieci. Queste mega-realtà, al pari dell’INPS, hanno esigenze di snellezza e rapidità nel processo decisionale,  ciononostante non sacrificano, nelle posizioni di vertice strategico, l’articolazione degli interessi garantita da un’adeguata rappresentanza numerica nei consigli.

Forse a questo che, a nostro parere, è un limite evidente del modello di governance attuale soggiace anche lo studio effettuato nel giugno 2012 dai tre esperti Bruno Bove, Giovanni Valotti e Carmine Volpe, nominati dall’allora Ministro del Lavoro Fornero per approfondire l’intera questione.

Ripubblichiamo tale studio, nonché le tre proposte di legge presentate nel corso della passata Legislatura. C’è ancora molto da lavorare.

Risultati della Commissione di studio sulla governance degli enti previdenziali -giugno 2012

Vedi su questo sito: la ventennale discussione sulla governance degli Enti previdenziali

Giuseppe Beato

Relazione della Commissione di studio sulla Governance negli enti previdenziali e assicurativi.

Interessanti ed articolati contributi sulla problematica della riforma della Governance di INPS ed INAIL nelle conclusioni del giugno 2012 dell’apposita Commissione di studio nominata dal Ministro pro tempore Elsa Fornero.

Vengono inoltre allegate le tre proposte di legge che, in qualche modo in connessione con le conclusioni della Commissione di studio, furono presentate da diverse forze politiche.

Gli Enti previdenziali e assicurativi sono all’atto governati da un Presidente, quale Organo politico e rappresentante legale, dal Consiglio di indirizzo e vigilanza, quale Organo di indirizzo politico  e dal Direttore generale, Organo che sovraintende al funzionamento della Tecnostrutura. Un sistema unanimemente valutato come troppo accentrato sul ruolo del Presidente e con un Organo di indirizzo e di vigilanza con funzioni non esaurientemente delineate né utilmente esercitabili.

Sullo stesso tema vedi anche: La ventennale discussione sulla governance degli Enti previdenziali

Una delle tante riforme rinviate di anno in anno da circa vent’anni.

 Commissione di studio governance Enti previdenziali – Relazione del 28 giugno 2012

Proposta di legge C 5539 ott 2012 Motta ed altri

Proposta governance Enti previdenziali Cazzola c 5503 ott 2012

Proposta di legge MOFFA sett 2012 su governance

ddl di riforma della pubblica Amministrazione – Proposte di emendamento

Camera deputati logo

VEDI ULTIMI EMENDAMENTI ALLA CAMERA

Pubblichiamo il bollettino delle Giunte e delle Commissioni parlamentari dell’11 giugno scorso nel quale é contenuto il testo degli emendamenti presentati dalla Commissione affari costituzionali della Camera dei Deputati al testo dell’Atto camera 3098 (già ddl  AS 1577/2014) – clicca qui – di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche. D’ interesse gli emendamenti proposti come articolo 8 bis del disegno di legge (governance INPS e INAIL) – pag. 145 – e all’articolo 9 (regime della dirigenza pubblica) – pag. 151.

 Emendamenti della Commissione affari costituzionali al ddl AC 3098

Boeri, Rizzo e la burocrazia “Novella 2000”

Studiosi del calibro di Sabino Cassese (vedi qui) e Carlo Cottarelli  (vedi qui) hanno riservato un’accoglienza positiva e lusinghiera al testo di Tito Boeri Sergio Rizzo “Riprendiamoci lo Stato”, edito da Feltrinelli lo scorso settembre. Li segnaliamo e ne prendiamo atto col dovuto rispetto.

Per noi, invece, la valutazione è fortemente negativa e cerchiamo di spiegarne di seguito i motivi. Continua a leggere

I dati errati dell’OCSE sulle retribuzioni dei dirigenti pubblici italiani e le conseguenti speculazioni giornalistiche.

paperon-de-paperoni

VEDI ANCHE: IMPORTO MEDIO DELLE RETRIBUZIONI DEI DIRIGENTI PUBBLICI

Si verifica ormai con puntualità annuale un corto circuito mediatico che inizia a sapere di ridicolo: l’OCSE pubblica il suo Report annuale sulle pubbliche amministrazioni dei 35 paesi membri e qui in Italia i giornali a diffusione nazionale concentrano tutto il “fuoco mediatico” su un   unico dato – errato e/o ballerino – presente in quel rapporto: le retribuzioni dei dirigenti pubblici italiani. Continua a leggere