Il testo del CCNL funzioni centrali 2016-2018 firmato oggi e gli interessi generali del Paese

Print pagePDF pageEmail page

Firmato stamattina alle ore 4 – come nelle migliori tradizioni di dramma a lieto fine – il Contratto collettivo nazionale di lavoro per le aree professionali dei dipendenti dei Ministeri, delle Agenzie e degli Enti pubblici non economici.

C’è qualcosa che non quadra nell’entusiasmo manifestato dalla Ministra e dai Sindacati, qualcosa che sa di “taroccato”: si commenta un risultato che vale per i soli dipendenti pubblici – cosa da considerare senz’altro come positiva –  ma lo si scambia per un successo “per la pubblica amministrazione” in quanto tale. Si dimentica di distinguere! Una cosa sono i 3 milioni e passa di dipendenti pubblici e un’altra sono i restanti 57 milioni di italiani proprietari (con le imposte pagate) e fruitori dei pubblici servizi (che diventano 60 milioni quando i dipendenti pubblici diventano a loro volta fruitori di servizi). Rappresentano due categorie di interessi completamente distinti fra loro: con buona pace di coloro che pensano che i sindacati possano tutelare gli interessi generali del Paese,  gli interessi dei cittadini e delle imprese dovrebbero essere validamente tutelati solo dal Parlamento con buone leggi capaci di favorire la qualità dei servizi pubblici, non dai contratti collettivi di lavoro, che sono altra cosa. Si brinda felici per il Santo Natale . Di seguito il testovedi qui anche  e vedi quii primi commenti.

CCNL comparti 2016-2018 per le funzioni centrali

 

Share

Articoli Recenti Relativi