Guido Melis: storia della burocrazia italiana durante il fascismo

Share
Print pagePDF pageEmail page

VEDI QUI – CLICCA – LA RECENSIONE DI SABINO CASSESE AL TESTO DI GUIDO MELIS “LA MACCHINA IMPERFETTA”

PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI MELIS ALLA TRASMISSIONE “RACCONTI” DI CORRADO AUGIAS

Esce in questi giorni nelle librerie un testo dello storico Guido Melis, che è anche componente del comitato scientifico della nostra associazione, sulla burocrazia nel regime fascista. Lasciamo alla penna esperta del prof. Cassese il compito di commentarne i contenuti: la locuzione “macchina imperfetta” riferita all’amministrazione pubblica in periodo fascista fu coniata da Giaime Pintor, eroe partigiano morto nel dicembre 1943:

vi si descrive mirabilmente, fra l’altro, un rapporto fra “regime” e grandi corpi della burocrazia improntato al sempiterno principio italiano del compromesso, del “vivi e lascia vivere”, figlio a sua volta, diremmo noi, dell’ancora imperante cultura gesuita del coniugare nette e assolute affermazioni di principio con taciti accordi e vantaggiose mediazioni. E’ l’Italia bellezza!

Testo da leggere assolutamente.

Articoli Recenti Relativi