CASSAZIONE: la valutazione dei dirigenti deve essere preceduta dall’assegnazione degli obiettivi

Share
Print pagePDF pageEmail page

Presentiamo qui di seguito due Sentenze dell’anno in corso, a cura della sezione Lavoro della Corte di Cassazione con le quali si sancisce un principio generale: la valutazione finale annuale del dirigente pubblico deve essere preceduta dall’assegnazione allo stesso degli obiettivi di performance da conseguire; in assenza di tale assegnazione il dirigente non ha diritto al pagamento del premio connesso alla performance ma può citare l’Amministrazione per il danno derivante dalla perdita della possibilità di conseguire il premio. Vedi anche il commento presente nel sito dell’ Associazione nazionale dei Segretari comunali e provinciali “Vighenzi”

Cassazione- sez lavoro: Sentenza n. 28404 del 28 nov 2017

Cassazione – sez lavoro. Sentenza n. 9392 del 12 apr 2017

Articoli Recenti Relativi